Ristorante Bed & Breakfast Lo Smeraldo

Ristorante Lo Smerlado: il meglio della cucina marchigiana

Al Ristorante Bed & Breakfast Lo Smeraldo sarà possibile degustare le migliori specialità della cucina marchigiana, in un festival di sapori assolutamente unico ed in grado di soddisfare ogni cliente. Ad esempio con la crescia, ricetta antichissima, che viene realizzata con farina, acqua e lievito madre cotta nel forno a legna, considerata un tempo "il pane dei poveri". Oggi la crescia è eccezionale da abbinare a prosciutto, salame ciauscolo e lardellato, coppa (insaccato cotto con ritagli di carne) e lonza, verdure di campo (cicoria e grugni), formaggi freschi e stagionati (ricotta di pecora e pecorino).

ristorante lo smeraldo
crostatina di crema cotta e ananas

Uno dei punti di forza del Ristorante Lo Smeraldo sono senza dubbio i primi piatti, realizzati con lavorazione artigianale e sfoglia tirata a mano da cui vengono i ravioli (pasta all’uovo ripiena con ricotta di pecora), tagliatelle e pappardelle, gnocchi da condire con cacciagione (cinghiale, capriolo, lepre), funghi e tartufo di stagione.
Secondo la tradizione, tutti i secondi di carne vengono ancora cotti nel forno a legna o sulla griglia, selezionando rigorosamente carne marchigiana (manzo, agnello, maiale). Diverse tecniche di cottura quali il coccio e la pietra ollare rendono indimenticabili portate come il cinghiale in salmì e l’oca.

Per quello che riguarda i vini, al Ristorante Lo Smeraldo, si accompagnano le portate con Verdicchio dei castelli di Jesi e Lacrima di Morro d’Alba. Per concludere al meglio il pasto viene servito un ottimo vino di visciole da gustare con la produzione di dolciumi secchi (ciambella frastagliata, ciambellone, cavallucci de.co e tozzetti al mistrà). Per la realizzazione dei piatti si selezionano olii locali mono-varietà (leccino, orbetana, mignola).

Su prenotazione vengono organizzati corsi e dimostrazioni come quello relativo alla produzione del miele, alla lavorazione del maiale (‘a pista), del formaggio pecorino e ricotta, dell’olio locale e visite guidate alle cantine della zona.

Share by: